I capannoni prefabbricati in cemento armato resistono al gelo

Capannoni prefabbricati | Capannoni prefabbricati cemento armato

Scegliere una tecnologia costruttiva come i capannoni prefabbricati in cemento armato significa scegliere una struttura caratterizzata da diversi aspetti vantaggiosi, come l’isolamento acustico, le qualità estetiche o la resistenza al gelo. Agli inizi, tuttavia, non era considerato un materiale adatto alla costruzione di edifici.

Capannoni prefabbricati | Capannoni prefabbricati cemento armato

Intorno agli anni Cinquanta, in un clima in cui anche il settore edile iniziò a migliorare i processi produttivi, introducendo nuovi materiali e nuove procedure costruttive, l’architetto francese Auguste Perret – “il poeta del cemento armato” – sperimentò per primo la prefabbricazione industriale in cemento nella ricostruzione di Le Havre. La città normanna, rasa al suolo nel 1944, venne infatti ricostruita con il nuovo materiale, dal quale Perret riuscì a coglierne le potenzialità, andando ad innovare le modalità di progettazione e innescando una rivoluzione delle pratiche architettoniche del Novecento.  L’opera di urbanizzazione venne completata soltanto dopo la sua morte e dal 2005 è classificata dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

La reazione del calcestruzzo agli agenti atmosferici nei prefabbricati in cemento armato

In questa tipologia di capannoni prefabbricati industriali, il principale componente, il calcestruzzo, presenta al suo interno microbolle di aria che provocano la penetrazione di acqua sia nelle pareti esposte agli agenti atmosferici che nelle pareti più protette. Quando la temperatura scende sotto zero l’acqua aumenta il suo volume e “forza” il calcestruzzo dall’interno e quando la temperatura risale l’acqua torna allo stato liquido. La porosità del calcestruzzo nel tempo può provocare danneggiamenti al materiale stesso.

Capannoni prefabbricati | Capannoni prefabbricati cemento armato

Le regole di produzione contro il gelo dei capannoni prefabbricati in cemento armato

Rendere totalmente nulli gli effetti dell’acqua e del gelo sui capannoni prefabbricati in cemento armato non è possibile ma alcuni accorgimenti nella produzione del calcestruzzo assicurano ottime caratteristiche di resistenza e diminuiscono la sua sensibilità al gelo-disgelo:

  • Ridurre il rapporto acqua/cemento nel calcestruzzo, che non dovrebbe superare lo 0,55, secondo quanto prescritto dalla norma UNI 9858/ENV 206. In questo modo viene ridotta la porosità capillare e quindi l’assorbimento del calcestruzzo di acqua dall’esterno.
  • Aumentare le dimensioni delle bolle di aria attraverso appositi additivi che danno luogo a quello che viene chiamato “calcestruzzo aerato”, nel quale la percentuale di aria è superiore a quella del calcestruzzo convenzionale.
  • Utilizzare inerti come la ghiaia per aumentare la resistenza complessiva del cemento armato al gelo.

Capannoni prefabbricati | Capannoni prefabbricati cemento armato
Le caratteristiche vantaggiose della costruzione di capannoni prefabbricati in cemento armato, insieme alle procedure standardizzate utilizzate, permettono a RDB Italprefabbricati di ottenere risultati più sicuri e costanti rispetto alla costruzione in cantiere, grazie a un controllo maggiore sulle materie prime impiegate, oltre che sull’intero processo produttivo.